LE EMOZIONI E L’ALIMENTAZIONE

Il nostro benessere dipende da una varietà di fattori: biologiciambientalipsichicisomatici strettamente intercorrelati tra loro.cibo fame 

I risultati scientifici non hanno fatto altro che confermare ciò di cui ognuno di noi si è sempre reso conto e continua a rendersi conto nella vita di tutti i giorni, cioè che il raggiungimento ed il mantenimento di uno stato di benessere richiede un’attenzione ed un impegno consapevole nel migliorare i diversi aspetti della nostra vita quotidiana: dall’alimentazione al ritmo sonno-veglia, ma soprattutto al controllo dello stress e dei pensieri negativi che avvelenano il nostro corpo e la nostra mente.

Un elemento importante del proprio benessere è sicuramente l’assunzione di un corretto regime alimentare.

Il sovrappeso e l’obesità rappresentano uno dei fattori di rischio che contribuiscono allo sviluppo di malattie croniche e di gravi disabilità.

In particolare predispone all’insorgenza di patologie cardiovascolari (ipertensioneinfartoictus), del diabete, di alcune forme di cancro, di complicanze osteoarticolari.

Causa principale è lo squilibrio energetico tra le calorie assunte giornalmente attraverso l’alimentazione e le calorie bruciate attraverso il metabolismo e l’attività fisica. Il recupero di un regime alimentare corretto è quindi indispensabile per ridurre i rischi per la salute.

In questo senso è fondamentale nell’ottica di una visione complessa del benessere come equilibrio psicofisico un approccio olistico alla persona che tenga conto degli aspetti sia fisici che emotivi.

In particolare se pensiamo al comportamento alimentare in situazioni di stress o di tensione possiamo osservare che se ci sentiamo nervosi o agitati non ci sono consigli dietologici che tengano, saremo pronti a “tuffarci” su una mousse al cioccolato o su una piatto di spaghetti al sugo pur di avere un sollievo immediato ad uno stato di sofferenza che non riusciamo a sedare in un altro modo.

Il collegamento tra i nostri comportamenti, tra cui quello alimentare, e il nostro mondo emotivo è ormai assodato.

A tal proposito, la maggior parte degli specialisti della nutrizione e gli studiosi dei fattori che portano all’obesità concordano nell’affermare che in una società dove lo stress e la tensione sono onnipresenti, spesso si reagisce facendo ricorso al cibo.

Una delle principali cause del sovrappeso e quindi di un comportamento alimentare disfunzionale è da ricercare nella cattiva gestione delle emozioni.

In genere si può dire che chi ha imparato a controllare e gestire lo stress non ha problemi di peso, perché sa ascoltare il proprio corpo, riconoscere le proprie emozioni e rispondervi adeguatamente con intelligenza.

 

 

Leave a Comment